Il divorzio giudiziale

Così come accade per la separazione giudiziale, quando marito e moglie non trovano un accordo su tutte le condizioni di divorzio, oppure quando uno dei coniugi non intende concedere all'altro il divorzio, il coniuge interessato ad ottenere lo scioglimento del matrimonio è costretto a procedere instaurando un procedimento di divorzio giudiziale in Tribunale.

La procedura di divorzio contenzioso è necessaria essenzialmente quando le parti non riescono a raggiungere un punto di incontro, neppure a seguito dell'assistenza di un buon avvocato matrimonialista o di un mediatore familiare, sui capitoli fondamentali del divorzio, quali la presenza e/o l'ammontare dell'assegno divorzile (l'assegno di mantenimento del coniuge), l'assegnazione della casa familiare, la divisione dei beni residui o l'affido della prole.

In tali casi il coniuge che intende porre fine al matrimonio presenta individualmente la domanda al giudice competente con l'assistenza di un difensore, citando in Tribunale il coniuge opponente e rimettendo allo stesso giudice la decisione sulle domande proposte. Il procedimento potrebbe concludersi già alla prima udienza, ove l'altro coniuge aderisse alle richieste avanzate dall'altra parte, ovvero, in caso di opposizione, trascinarsi attraverso le diverse fasi del processo civile.

Il nostro studio assiste con professionalità e preparazione i propri clienti nel proposito di addivenire alla migliore soluzione realizzabile in caso di crisi matrimoniale, preferendo, ove fattibile, la definizione congiunta del rapporto coniugale e fornendo il dovuto patrocinio giudiziale, ove necessario, ai coniugi in conflittualità.

  • Tempi del divorzio giudiziale: rispetto alla procedura di divorzio congiunto, che si conclude solitamente nel giro di 4 mesi dal deposito del ricorso introduttivo, il divorzio giudiziale dura solitamente più tempo, a seconda della conflittualità dei coniugi e del carico di lavoro del Tribunale. Il divorzio giudiziale è a tutti gli effetti una causa civile che, mediamente, dura 1 anno o 2 anni.
  • Costi del divorzio giudiziale: dipendono essenzialmente dalla conflittualità dei coniugi e dalla durata del procedimento (quindi a seconda del numero di udienze, di memorie e atti da presentare, di incontri ecc.) e, mediamente, nei casi meno complessi si attestano attorno alla somma di € 1.500,00 - € 3.000,00.

Clicca per conoscere la documentazione necessaria.

Per informazioni, preventivi o per fissare un appuntamento in studio non esitare a scriverci o a telefonarci, oppure registra i nostri riferimenti (in basso a destra) per quando ne avrai necessità.

Competenze dello studio

1

Diritto di famiglia

Separazione, divorzio
2

Famiglia senza matrimonio

Coppie di fatto, diritto dei minori
3

Diritto immobiliare

Sfratti, locazioni ed esecuzioni
4

Diritto ereditario

Successioni ed eredità
5

Gestione del credito

Recupero, esecuzioni
7

Crisi d'impresa

Procedure concorsuali
8

Responsabilità civile

Risarcimenti

Ultime domande e risposte

21
Apr2015

Divorzio con coniuge irreperibile?

Salve, scusi ma è possibile fare il divorzio se mia moglie è irreperibile? Non ho più sue notizie da anni ormai e probabilmente vive all'estero. Si può avere lo stesso il divorzio? Grazie Antonio

13
Feb2015

Divorzio congiunto presso il Tribunale di Lecco?

Buonasera avvocato, sono residente a Merate e volevo sapere se posso rivolgermi al Vostro studio anche per fare il divorzio al Tribunale di Lecco. Grazie B.G.

12
Giu2014

Prima udienza di separazione giudiziale. Come funziona? E' obbligatorio l'avvocato?

Buonasera avvocato, purtroppo mia moglie mi ha citato in tribunale per la separazione giudiziale, senza prima tentare un accordo per fare la separazione consensuale. L'udienza sarà a ottobre, mi può dire che cosa succederà? Devo presentarmi per forza o scrivere qualcosa per il giudice? Alla...

06
Giu2014

La moglie non vuole concedere la separazione o il divorzio. Che fare?

Buongiorno, la mia domanda e la seguente ... Io e mia moglie brasiliana ci siamo sposati nell'ottobre del 2013, ora lei è tornata in Brasile dicendo che stava lì per qualche mese, invece mi ha comunicato che non tornerà più.... e vuole la separazione... io...

02
Apr2014

Nomina dell'amministratore di sostegno, quali poteri?

Il mio compagno versa in grave stato di salute, il fratello è stato nominato amministratore di sostegno. Il mio compagno ha un conto corrente bancario intestato a lui su cui io ho diritto di la firma autorizzata ed un bancomat collegato al conto. Ora mi...

01
Mar2014

Figlio naturale e figlio legittimo, v'è distinzione ai fini del mantenimento?

Buongiorno, volevo sapere se l'assegno di mantenimento per un figlio naturale con cui non si ha mai convissuto viene calcolato sulle effettive disponibilità finanziarie del padre oppure sulla base delle spese effettivamente sostenute dalla madre affidataria. Grazie per la risposta

Contatti

via Malpighi 12 - 20129 Milano

+39 02.87.18.62.75

+39 02.45.07.28.91

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Social